WCVLogo

Canzoni - Nomi e Nomicchiori

Testi

    ignoto

Musica

    ignoto

Interpreti

Arrangiamento

    ignoto
Copia negli appunti

Le Barsinotte, le Chiorbe, le Matte,
Cacabullete chiamato perché
nello svotassi la fece in piscina,
ruppe un chiusino ed immagina te.
Pìtoro, Ciottoro, Matta Maria,
la sora Mea che a Viareggio veni'
a fa’ la cura del sole a’ bagnetti,
ma ’bamboretti la feano ammatti'.
Centi, Taccone, Maino, Rannata,
Meo di Palata, Pattana, Sciapò,
Baffi di Fero che nel quarantotto
con un cazzotto un lucchese ammazzò.
Strizzo, Balloccioro, Caccola, il Meggia
che gli stiaccioni 'un potea digeri',
così una sera nel fa' una cureggia
spense i lampioni del viale Manin.

Che razza di nomicchiori,
al tempo di mi’ pa',
i viareggini andavino a inventa'.

La Ceccarana, la Pepa, la Beppa,
la Mangiastoppa, la Bella Filié,
la Bradamante, la Secca, la Spracca,
la Piritucchia, la Tocca, la Tre.
Bicchio, Birini, Quartuccio, Ridanni,
ma di Pinanni non c’era che lu’;
stava dieci anni per fa’ le rimonte,
quand’erin pronte ‘un usavino più.
Lupo di Mare, che se ne credeva,
stette dal Bava diec’anni a studia’;
quand’ebbe i fogli ni denno un puntone,
perse ‘l timone e lo fece affonda'.
Ceccapatuglio, Gomitolaghiove,
Ciotta di Bove chiamato perché
quando 'un aoncava de' vermi la mossa
tanto era grossa, parevino tre...

Che razza di nomicchiori,
al tempo di mi’ pa',
i viareggini andavino a inventa'.

Sorba, Trenino, Raccattamalanni
che per trent’anni ste’ lì per mori';
mentre ‘l Pardocchi, chiamato ‘l Ferone,
d’indigestione in tre giorni parti'.
Cecco di Bocco per ‘un senti' male
all’ospedale ‘un ci andava perciò
se aveva un cecchio che ‘un ni maturava
se lo sturava col tirabusciò.
"Come son bello!" Marullo diceva
ma ‘un si sposava per ‘un dimagri';
po’ per ‘un fassi ammuffì' la conserva
sposò una serva, ma ‘un se ne servì...
Lezzora, Pipporo, Smerdafaccende,
Sfondamutande chiamato perché
se le faceva di tela da tende,
per ‘un ispende le 'uciva da sé.

Che razza di nomicchiori,
al tempo di mi’ pa',
i viareggini andavino a inventa'.

La Rubapane, la Stiacciapidocchi,
la Piantastecchi, l’Aiutimité
perché la sfilza di nomi condita
sembra finita e finita non è...
C'è sempre il Grolla, Fremino, Chiocchetto,
Beppe 'l fabbretto, Citrullo e Picciù;
nomi e nomicchiori come Ceccotto
che dal diciotto non s'usino più.
Senzaganasce, lo Spruzzoro, il Moro,
le Rubbafèro, Cuculo e Bastrè,
Gamba, Cacione, Radicchio, Caino,
Nicchio, Pescino, Tistino e Cacchè.
Gonza, Rodino, Chiodara, Giudizio
che senza un vizio voleva campa',
ma po' conobbe la Bocca di Potta,
perse la rotta e si vole danna'.

Che razza di nomicchiori,
al tempo di mi’ pa',
i viareggini andavino a inventa'.

Vinci, Cacchino, Bignatta, Strinetti
che da bimbetti si fece pena'
impallinandosi chiappe e calzoni
quando a’ poggioni s’andava a sfera'.
Beppe D’Aguglia, chiamato Medaglia
perché in battaglia voleva peri',
ma al primo colpo ‘un riuscì a danni volta,
prese la sciolta e sfilato mori'.
Fifo, Piattello, Gongone, Bennardo,
Cecco il Bugiardo chiamato perché
fra tante balle diceva perfino
che nientemeno era 'ugino del re.
Dea di Tramonte, Cianetta, Puzzino
che nel bottino t’andiede a casca';
‘un servì a nulla lavallo co’ ranno
durette un anno Puzzino a puzza'.

Che razza di nomicchiori,
al tempo di mi’ pa',
i viareggini andavino a inventa'.

Tacio, Tallìto, Trebesto, ‘l Digiuno,
che manco un pruno poteva assaggia';
n’era vienzuto a un cogliombaro un nodo
e 'un c’era modo di fallo opera'.
Stoppa, Guazzino, Sciapino, Trivella
ganzo di vella che venne in città
a vende’ l’ova da un’altra provincia,
ni restò incinta e si fece sposa'.
La Gavinosa, la Tappo di Botte,
la Settepotte che inviava a grida'
quando di muscoli s'ingavonava
e se li sentiva la notte brucia'.
Pippo, Mondina, Tanasio, Capocchia,
la Bagalocchia, la Biasciamascé,
la Bella Rò che coll’acqua di Stiava
ci si lavava...Indovinelo te!

Che razza di nomicchiori,
al tempo di mi’ pa',
i viareggini andavino a inventa'.